Press ESC to close

Muffa nel bagno: 6 consigli per liberarsene

La muffa è una vera piaga in casa. Oltre a rovinare l’aspetto delle superfici, è dannoso per la salute poiché può provocare numerose allergie. Trovato nelle zone più umide, come il bagno, devi essere molto paziente e astuto per sbarazzartene. Stai cercando metodi efficaci per sbarazzartene? Ti diamo alcuni consigli per candidarti.

Perché cresce la muffa in bagno?

Tra l’umidità e il calore costantemente presenti nel vostro bagno, questa stanza è sicuramente un ambiente favorevole alla formazione di spore di muffa che iniziano a svilupparsi nel tempo. Ripeti a te stesso che ogni volta che fai la doccia, il bagno o semplicemente ti lavi il viso con acqua tiepida, questi funghi microscopici proliferano intorno a te. La muffa, infatti, si riproduce rilasciando nell’aria queste spore, invisibili a occhio nudo. Hanno bisogno solo di una minima quantità di umidità  per stabilizzarsi e il calore accelera notevolmente la loro crescita. Affinché questa muffa non invada le vostre pareti e piastrelle, è assolutamente necessario risolvere il problema alla fonte.

Come togliere la muffa dal bagno?

Esistono infatti diversi rimedi naturali per combattere le fastidiose macchie di muffa che si formano in bagno o in altri ambienti della casa.

1. Aceto bianco e bicarbonato di sodio

Aceto e bicarbonato di sodio

Uno dei rimedi più potenti per eliminare la muffa non è altro che mescolare aceto bianco e  bicarbonato di sodio . Questi due prodotti non mancano quasi mai in casa poiché sono rinomati per le loro proprietà detergenti. Oltre a eliminare rapidamente sporco, calcare e incrostazioni da varie superfici, questo duo è altamente raccomandato anche per eliminare facilmente la muffa. In più, sono naturali, ecologici ed economici!

Come preparare la soluzione? In una bottiglia spray, mescola acqua calda con due cucchiai di bicarbonato di sodio e un bicchiere di aceto bianco. Quindi applicare direttamente sulle macchie di muffa, strofinando accuratamente con un vecchio spazzolino da denti. Con il tempo noterai che scompariranno facilmente. Una volta terminato è sufficiente risciacquare con acqua tiepida. Le tue pareti e le tue piastrelle saranno pulite e lucenti!

2. Perossido di idrogeno e bicarbonato di sodio

Per rimuovere la muffa dalle pareti e dalle piastrelle del bagno, è efficace anche mescolare acqua ossigenata e bicarbonato di sodio.
Uniscili con un po’ di acqua tiepida e detersivo per piatti. Quindi, applica questo rimedio sulle zone interessate con un panno in microfibra. Quindi, usa il vecchio spazzolino da denti per rimuovere tutte le macchie. E ora, voilà!

3. Sale

Puoi contare sull’azione igroscopica del sale: assorbe efficacemente l’umidità e il vapore presenti nell’aria. Versate un po’ di sale grosso nei contenitori e posizionateli nelle stanze dove pensate che sia comune il problema della muffa. Questo metodo aiuterà a trattenere l’umidità che verrà assorbita dal sale e non si attaccherà alle pareti o alle piastrelle.

4. Perossido di idrogeno, sale e bicarbonato di sodio

Altra miscela antimuffa: potete preparare una potente soluzione utilizzando acqua tiepida, acqua ossigenata, sale e bicarbonato. Versare il tutto in una bottiglia spray e spruzzare sulle zone da trattare. Una salvietta e puoi pulire rapidamente l’area.

5. Alcool domestico e olio essenziale

Per pulire le piastrelle del bagno e togliere tutte le incrostazioni, sarà utile anche l’alcol domestico: per lasciare un gradevole profumo, non esitate ad abbinarlo a gocce di olio essenziale di lavanda. Spruzzare, lasciare agire e strofinare con lo spazzolino. Questa miscela offre un risultato eccellente!

6. Olio di lavanda

L’olio di lavanda è noto anche per prevenire la formazione di muffe: versalo in un bruciatore di incenso che installerai negli spazi interessati. Oltre ad aiutare a combattere l’umidità, la lavanda rilascerà anche un delicato profumo nei vostri ambienti abitativi.

10 consigli per prevenire la ricomparsa della muffa in bagno

  1. Utilizzare vernice acrilica con fungicida per superfici esposte all’umidità,
  2. Ventilare regolarmente la stanza aprendo le finestre e utilizzando un ventilatore meccanico,
  3. Controllo e sostituzione guarnizioni doccia, lavabo e vasca,
  4. Tenere gli asciugamani bagnati lontano da pareti e superfici per evitare macchie di muffa,
  5. Tratta rapidamente le macchie di muffa non appena compaiono,
  6. Utilizzare un deumidificatore per ridurre i livelli di umidità,
  7. Limitare l’uso di tappeti che trattengono l’umidità,
  8. Metti un vaso di sale negli armadi per assorbire l’umidità,
  9. Fare docce di durata ragionevole,
  10. Utilizzare un igrometro per monitorare i livelli di umidità e adottare le misure appropriate.
Copy