Press ESC to close

Come pulire la cappa: la guida passo passo

Ti piace passare il tempo dietro ai fornelli e cucinare piatti deliziosi? È sempre molto divertente e soddisfacente. Ciò che lo è meno sono tutti gli onnipresenti odori di cucina che riempiono la stanza. Ovviamente la cappa è un elemento fondamentale della cucina: aspira tutti i vapori e purifica l’atmosfera della cucina. Difficile farne a meno! Tuttavia, affinché rimanga sempre funzionale ed efficiente, è fondamentale pulirlo e mantenerlo regolarmente.

Come pulire la cappa: la guida passo passo

Sebbene la sua funzione sia quella di aspirare i cattivi odori, a lungo termine può finire per trattenerli. E un giorno o l’altro la cappa non aspira più come dovrebbe. Peggio ancora, emana odori sgradevoli. Se si verifica questo problema significa che è necessario pulirlo ancora più attentamente. Naturalmente la sua manutenzione è talvolta noiosa e complicata. Ma ci sono modi naturali per lucidarlo a fondo e renderlo operativo rapidamente.

Scopri come utilizzare correttamente il tuo aspirapolvere con questi piccoli consigli.

Pulizia dell’esterno

Se non hai tempo e vuoi concentrarti solo sulla pulizia esterna, ci sono due modi per farlo in modo efficiente. Non dimenticare mai di scollegare la cappa prima di pulirla.

Pulizia rapida

Molto spesso gli odori sgradevoli provengono da macchie e residui di cibo. Ecco perché è necessario eliminarli del tutto.

Versare in una ciotola 1 litro di acqua calda con una tazza di aceto bianco. Successivamente prendere un panno imbevuto nella soluzione e pulire la superficie, una volta strizzata. Successivamente risciacquare con un panno umido e asciugare con un altro panno asciutto.

NB  : l’aceto bianco è un ingrediente essenziale per una pulizia efficace. Ha proprietà disinfettanti, sgrassanti e deodoranti, perfettamente adatte alla manutenzione della cappa aspirante.

Metodo della padella

Aceto per pulire 

Durante la preparazione dei pasti tutti gli aromi tendono ad evaporare e ad attaccarsi alla cappa. Ecco perché è meglio utilizzare il metodo della padella.
Riempite una  pentola  con un litro d’acqua e versate una tazza di aceto bianco. Scaldatelo e portatelo a ebollizione. Quindi puoi spegnere la stufa.

Il calore farà evaporare la soluzione e l’aceto eliminerà eventuali cattivi odori depositatisi sulla superficie.

NB  : in alternativa all’aceto bianco potete utilizzare anche bicarbonato e succo di limone. Entrambi sono particolarmente efficaci nel disinfettare e deodorare il dispositivo. Basta versare 4 cucchiai di bicarbonato, mezzo litro d’acqua e il succo di un limone. Questo metodo è molto utile anche per insaporire l’intera cucina.

Il metodo del vetro

Hai mai pensato che potresti eliminare gli odori sgradevoli anche solo con un drink?
Riempi un bicchiere con aceto e mettilo sul fornello. Quindi lasciarlo agire durante la notte. In questo caso andrà bene qualsiasi tipo di aceto. Potete usare l’aceto bianco, ma anche l’aceto di sidro o quello alcolico.

Se non lo avete mai fatto, questo consiglio è altamente consigliato, in particolare per eliminare tutti gli odori di frittura, ma anche quelli emanati da aglio e cipolla.

Pulizia degli interni

Smontare il cofano

Se avete pulito a fondo l’esterno della vostra cappa, ma i cattivi odori non sono ancora scomparsi, allora è necessario prendere in considerazione  la pulizia  dell’interno. In questo caso la prima cosa da fare è smontare la cappa aspirante.

Naturalmente questa procedura richiede più tempo, ma se ne avete la possibilità è meglio concederle un po’ di tempo per igienizzare a fondo la vostra cappa.

NB: non dimenticare di spegnere la cappa e di staccare la spina prima di lavarla. Seguire sempre le istruzioni di produzione del dispositivo.

Primo stadio

Una volta staccato il tutto, togliete il coperchio e mettetelo in una ciotola con acqua calda e due tazze di aceto. Assicurati che l’acqua copra l’intera superficie. Lasciare in ammollo per circa 30 minuti per permettere al grasso di sciogliersi bene.

Secondo passo

Se il coperchio sembra ancora unto, puoi provare questo trucco.

Preparare una soluzione con 2 tazze d’acqua e 2 cucchiai di bicarbonato di sodio. Mescolare bene finché tutto non sarà sciolto. Successivamente, bagnare una spugna e pulire la superficie. Questo passaggio aiuta a rimuovere le macchie ostinate. Il bicarbonato, infatti, è un potente detergente con proprietà disinfettanti e sgrassanti che elimina anche le macchie di grasso persistenti.

Terzo passo

Togliere i filtri e procedere al lavaggio dell’interno della cappa.

Versate in una ciotola mezzo litro d’acqua, 2 bicchieri di aceto bianco e mezzo bicchiere di  bicarbonato . Versare poi il composto in una bottiglia spray utilizzando un imbuto. Spruzzare la soluzione sulle superfici interne e lasciare agire per circa 20 minuti. Infine, pulire con una spugna morbida e risciacquare con un panno umido.

Rimetti a posto tutte le parti. Noterai che la tua cappa splende come mai prima d’ora!

NB:  per un effetto più marcato potete provare anche il metodo della ciotola sopra citato.

Pulizia dei filtri

Pulizia dei filtri della cappa

Per una pulizia completa della vostra cappa non dovete trascurare i filtri! Vanno inoltre puliti in modo meticoloso, perché è proprio tra questi minuscoli fori che si depositano le macchie più difficili da rimuovere.

A titolo precauzionale si consiglia di consultare le istruzioni del produttore riportate sul libretto o di rivolgersi ad un tecnico specializzato per evitare di danneggiare i filtri.

Buono a sapersi  : accendi la cappa almeno 10 minuti prima di iniziare a cucinare un piatto. Perché ha bisogno di un certo tempo per raggiungere il suo flusso d’aria ottimale. Allo stesso modo, a fine cottura lasciarlo acceso per altri dieci minuti, per pulire sufficientemente l’aria dell’ambiente. Per risparmiare energia, evitare di impostare il dispositivo alla massima potenza. Aumentare il livello di potenza solo se in cucina è presente una quantità significativa di vapore.

Copy