Press ESC to close

5 consigli per limitare la perdita di calore

L’inverno si avvicina e presto sarà il momento di riaccendere i riscaldamenti. Come ogni anno, il dilemma tra un interno ben riscaldato e una bolletta salata è più attuale che mai. Allora come riscaldare bene la casa senza sprecare soldi? Ecco alcuni consigli utili per limitare la perdita di calore.

Che sia a gas, a legna o elettrico, una cosa è certa: quest’anno il riscaldamento costerà ancora di più. Rappresenta due terzi della nostra bolletta energetica. Sebbene sia impossibile contrastare l’aumento dei prezzi dell’energia, è tuttavia possibile adottare dei buoni riflessi per limitare i nostri consumi senza sacrificare il nostro benessere. Scopriamo alcune azioni ecosostenibili per evitare la dispersione del calore.

Come limitare la perdita di calore?

La prima cosa da evitare è il surriscaldamento, cioè il riscaldamento a temperature troppo elevate, dannoso sia per la salute che per il portafoglio. I caminetti tendono a far salire il termometro inutilmente. ADEME indica che la temperatura ambiente ideale in casa è compresa tra 19°C e 21°C nei soggiorni, 16°C nelle camere da letto per dormire e 22°C in bagno quando è in uso.
Piccoli consigli per un buon comfort termico:

1- Buon isolamento

Per combattere la perdita di calore, questo fa la differenza. Solo un buon isolamento in casa può trattenere il calore. Per le vecchie abitazioni le perdite possono arrivare fino al 30%, il che è significativo. Diverse sono le origini: il tetto, il suolo, i muri e le aperture (porte e finestre). Potrebbe essere interessante, per ridurre le spese nel medio e lungo termine, effettuare una valutazione energetica completa e vedere quali miglioramenti e interventi è possibile apportare.

2- Caccia alla dama

La circolazione dell’aria fredda è una vera piaga. Bisogna quindi cercare di chiudere al meglio tutte le prese d’aria. Bloccare il passaggio del freddo alle aperture: mettere dei paraspifferi sotto le porte, rifare le guarnizioni delle finestre se necessario o installare strisce adesive, installare doppie tende o tende termiche, tappetini e chiudere ermeticamente le persiane o le persiane al calare della notte.

3- Buona ventilazione

Non trascurare le virtù di una buona ventilazione assicurandoti che il tuo sistema di ventilazione non sia ostruito e funzioni correttamente. Una buona circolazione dell’aria previene l’umidità in casa. L’umidità è nemica del caldo. Allo stesso modo, ricordatevi di aprire le finestre durante i periodi soleggiati per rinnovare l’aria e riscaldare le pareti, almeno 10 minuti al giorno, ovviamente spegnendo il riscaldamento.

Aperture di mastice

4- Scegli un metodo di riscaldamento adatto

Spesso, più gli apparecchi di riscaldamento sono vecchi, più consumano energia. A volte sostituire l’impianto di riscaldamento può rappresentare un investimento importante, ma che può essere ammortizzato in tempi abbastanza brevi visto l’aumento del costo dell’energia. Molto apprezzate sono le caldaie e le stufe a legna, in particolare quelle a pellet, così come le pompe di calore. Per quanto riguarda l’elettricità, è il radiatore inerziale, attualmente, il più interessante, così come lo scaldasalviette per il bagno. Evitare riscaldatori ausiliari piccoli e molto costosi.

5- Regolare le temperature 

Un buon modo per risparmiare è anche quello di adattare le temperature alle diverse esigenze a seconda di ogni stanza e dei diversi orari della giornata. Per questo sono ideali i cronotermostati intelligenti, il telecomando o le sonde esterne collegate alla vostra caldaia. Potrai così variare facilmente le temperature e l’intensità del tuo riscaldamento e limitare gli sprechi.

Riscalda bene grazie alla regolare manutenzione del tuo dispositivo

Oltre ai buoni riflessi, è essenziale il mantenimento del riscaldamento.  Tieni presente che una caldaia a gas ben mantenuta può ridurre i consumi del 12%, il che non è trascurabile. In ogni caso è obbligatorio un controllo annuale da parte di un professionista. Per quanto riguarda i radiatori elettrici, non dimenticare di spolverarli regolarmente e di non mettervi nulla davanti, in modo che funzionino a pieno regime. Puoi anche posizionare un riflettore di calore proprio dietro per ottimizzarne l’utilizzo.

Tutto quello che devi fare è fare il punto della tua situazione, prendere le giuste decisioni e adottare le giuste azioni. Quest’inverno più che mai, tutti i mezzi sono buoni per risparmiare energia!

Copy